6 dicembre 2012

Tumori a Fabriano: qualcosa si muove

L'appello che ho lanciato pochi giorni fa, in cui invitavo le istituzioni e la politica a indagare sull'origine, sulle tipologie e sulla densità delle forme tumorali a Fabriano conteneva un intendimento trasversale e quindi, per certi versi, prepolitico. La salute, infatti, non ha colore e di fronte alla malattia siamo - naturalmente e umanamente - portati a spogliarci di appartenenze e inimicizie, perchè il benessere e la qualità della vita delle persone sono precondizioni su cui è immorale dividersi e polemizzare. Il mio obiettivo non era, qundi, istruire un processo alla storia produttiva di Fabriano o immaginare azzardate correlazioni tra settori industriali ed effetti oncologici, ma quello di stimolare un'iniziativa politica. E mi ha fatto molto piacere apprendere che il consigliere comunale di Sinistra e Libertà Emanuele Rossi presenterà, proprio stamattina, un'interpellanza rivolta al Sindaco di Fabriano sulle condizioni di salute dei cittadini del nostro territorio con particolare riferimento all'incidenza del tasso di tumori. Chi incarna la rappresentanza politica della comunità - all'interno delle istituzioni locali - ha il diritto/dovere di conoscere e di informare i cittadini, specie quando sono in ballo beni primari come la tutela della salute, che dovrebbe essere un principio fondamentale di indirizzo e di orientamento politico a prescindere dai soggetti a cui la normativa vigente ha delegato poteri e competenze in materia sanitaria. Il fatto, poi, che a farsi carico di questa interpellanza sia un esponente dell'opposizione non va considerato un ostacolo rispetto a un possibile e auspicabile pronunciamento unitario del consiglio comunale che, in questo impegno conoscitivo, potrebbe avvalersi, tra gli altri, anche del prezioso contributo medico e scientifico dell'assessore Giorgio Saitta, Presidente dell'Associazione Oncologica Fabrianese e di possibili esperti indipendenti, tra i quali mi piace ricordare l'Ing.Giuseppe Monticelli, che da anni studia approfonditamente le molte e complesse tematiche legate al rapporto che intercorre, nel nostro territorio, tra l'inquinamento e gli effetti da esso prodotti sulla salute. Inoltre, ultimo ma non per ultimo, questo impegno delle istituzioni elettive attorno ai problemi della salute può rappresentare anche un salto di qualità per la politica locale che ha l'occasione di distrarsi, con etica ed intelligenza, dall'attenzione quasi fordista normalmente dedicata all'alienazione dei frustoli, ai cambi di destinazione d'uso e allo scrostamento del muretto di casa dell'amico.
    

25 commenti:

  1. Ottima iniziativa ottimo successo del post

    RispondiElimina
  2. Il post è solo un veicolo....conta l'iniziativa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si ma se il veicolo sbaglia strada l'iniziativa non avviene.

      Elimina
  3. Si ok, ma in conclusione poi che si fa ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Intanto si analizzano i dati per vedere se ci sono parametri fuori media Regionale allarmanti o meno.

      Elimina
  4. Da due anni e mezzo la prima denuncia e richiesta, poi l'anno scorso e l'ultima 4 mesi fa, NIENTE, ancora non siamo riusciti ad ottenere uno studio epidemiologico sul nostro territorio ed in particolare sulla zona di Santa Maria.
    Abbiamo coinvolto il Comune, la dottoressa Cimini, l'assessore Paglialunga, Sorci, che mi ha accusato di terrorismo mediatico e chi più ne ha più ne metta, NIENTE.
    Dovrebbe essere il primo punto da affrontare per chi dovrebbe occuparsi della salute dei cittadini, sappiamo che Fabriano è la città più inquinata delle Marche dopo Falconara, "forse" l'incidenza dei tumori è più alta della media nazionale ma rimane il "forse" perchè guarda caso nessuno lo scrive nero su bianco e di fatto il problema rimane accantonato da una parte facendo finta di niente.
    Sono felice che Emanuele si aggiunga a tutte quelle persone che da anni attendono e pretendono risposte su un problema quantomai delicato ed urgente da affrontare.
    Bravo !
    Ciao, Sergio Romagnoli. * * * * *

    http://www.youtube.com/watch?v=drRmhozj_5U

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Chi chiede le cose fa terrorismo !!! In che mani siamo !!!

      Elimina
    2. l'ennesima sgoffata del 5*****

      Elimina
  5. Allora ..grazie a Sergio Romagnoli e al M5S per tutte le verità che ci calano dall'alto su ogni argomento ..dalle pale eoliche al fotovoltaico, dall'acqua ai tumori....anche se faccio notare che mai le loro parole si sono tramutate in azione! non serve che ci ricordino sempre quanto sono bravi...credo che in questa sede il merito vada a Simonetti per aver trattato l'argomento con questo intelligente post e a Emanuele Rossi per averlo raccolto e portato in consiglio comunale! attenzione Romagnoli ....chi si loda si imbroda e intestarsi battaglie come queste e' immmorale! L.S.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Essendo un riformista considero importante sostenere battaglie valide per tutti. Il tumore non è materia di divisione politica e di medagliette e sono d'accordo con te L.S sul rischio delle primogeniture. Anche perché se devo mettermi in evidenza preferisco farlo su materie meno drammatiche. Ma anche in questo caso è questione di etica e di gusti.

      Elimina
    2. LS a me sembra che a ricordarci di quanto siano stati bravi ( e di quanto lo sono) siano anche i membri della passata giunta ( e quelli di quella attuale)...poi a conti fatti zero carbonella.

      Elimina
  6. Il cancro è una cosa che ci interessa tutti....per una volta lasciamo da parte il processo al passato al presente e alle intenzioni.

    RispondiElimina
  7. Di fronte alla salute non ci può essere effettivamente alcuna divisione.
    Ben vengano iniziative di questo genere e pertanto ritengo che sia un diritto primario avere dati, conoscere eventuali casi problematici, indagare senza preclusioni.
    Qui parlo prima di tutto come cittadino che abita e vive con famiglia a Fabriano e poi come persona attualmente impegnata a livello amministrativo.
    Ass.re Galli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro assessore credo che siano diversi i temi che ci possono consentire una discussione aperta e trasversale. Se solo sapessimo andare oltre gli uffici postali...

      Elimina
  8. Lezioni di etica, anonimi che criticano, ipocrisie, evvai, è la sagra della società politica attuale, complimenti!
    Non meriteresti nemmeno risposta Giampiè ma siccome mi piace precisare.....
    Nessuno si vuole mettere in evidenza ed è molto triste, poco serio ed offensivo da parte tua travisare volutamente un messaggio.
    All'anonimo LS rispondo perchè fa ridere ed è ridicolo, si pulisca la bocca quando parla di immoralità!
    Le nostre azioni (raccolta moduli e firme per l'acqua, convegni sull'energia, mozioni, interpellanze,.....) ci sono e sono sotto gli occhi di tutti, continuate pure ad ignorarle e a fare disinformazione, i cittadini sono molto più svegli di voi.

    La lotta all'inquinamento su Fabriano parte dai cittadini, dai comitati, io sono arrivato molto dopo e ci ho messo la faccia prima da cittadino e ora come Movimento (infatti è anche nel nostro programma).
    Dico di nuovo bravo a Rossi se si unisce a tutta questa gente che vuole chiarezza su un argomento GRAVISSIMO volutamente insabbiato e mal gestito.
    Non c'è da prendersi meriti, c'è solamente da fare, informare con professionalità e trasparenza.
    Io come tanti altri ci abbiamo messo la faccia, voi?
    Un Milione e duentomila euro, che fine hanno fatto?
    Lo sapete che non bastano nemmeno per svolgere un decimo del lavoro da fare?
    Lo sapete che sino ad ora gli unici che sono intervenuti con soldi privati sono i Bonazzelli?
    Informatevi!

    Sergio Romagnoli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sergio mi sa che stai vivendo una fase classica che si chiama "vertigine del successo". Rilassati. Per ora non sei l'Unto del Signore. Io in politica la faccia ho iniziato a mettercela quando era sindaco Antonio Merloni che ti faceva un culo come due ore di notte. Non mi ricordo che tu fossi in prima linea con me a dargli del mazziere giolittiano come feci io in Consiglio Comunale. Era il 1990. Quindi studia un pochino di storia amico mio. Il mondo non nasce con Beppe Grillo ma diverso tempo prima.

      Elimina
    2. Caro sergio, mi sembra che questo blog abbia sempre trattato te e il Movimento 5 Stelle con attenzione e rispetto. E anche le mie critiche mi pare siano sempre state motivate. Ma vedo che, come sempre accade coi movimenti puritani e moralisti, chi tocca i fili muore e l'unico atteggiamento che potete tollerare è quello incensatorio. Vorrà dire che da questo momento vi dedicherò qualche attenzione in più. Gratta gratta il grillino ed esce fuori il filisteo.

      Elimina
  9. Ancora?
    Io sono rilassatissimo, non ho vertiggini di alcun tipo e non sono unto da nessuno, hai manipolato il senso del mio post offendendomi dicendo che uso argomenti come i tumori a Fabriano per protagonismo.
    Si sta parlando di me e non del MoVimento, se non arrivi a capire che hai cagato fuori (così mi adeguo al tuo vocabolario) non è colpa mia.
    Non mi sembra di averti mai offeso o mancato di rispetto, sarebbe auspicabile, fino a prova contraria che tu facessi la stessa cosa (a proposito di etica e gusti).
    Sergio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Essendo un riformista considero importante sostenere battaglie valide per tutti. Il tumore non è materia di divisione politica e di medagliette e sono d'accordo con te L.S sul rischio delle primogeniture. Anche perché se devo mettermi in evidenza preferisco farlo su materie meno drammatiche. Ma anche in questo caso è questione di etica e di gusti." Questo è ciò che tu chiami insulti. Te lo riporto testualmente. Abbiamo visoni diverse dell'insulto.

      Elimina
    2. Comunque il caso per me è chiuso. Anche perchè non si era mai aperto visto che mi interessa discutere del tema tumori. Il resto non mi appartiene

      Elimina
  10. E' molto più facile scrivere un articolo di poche righe che presentare una mozione o una interpellanza SERIE fatte di dati e basi certe. Giampiero ha il vantaggio di poter scrivere un pezzo o due al giorno toccando tanti argomenti che magari all'interno del gruppo stiamo discutendo da tempo ma che per poter essere presentato in una sede ufficiale richiede maggiore approfondimento.

    RispondiElimina
  11. E' facilissimo scrivere. Notoriamente una delle cose più facili che ci siano. Infatti è pieno di gente che scrive. Così tanto che si parla sempre più correntemente di analfabetismo di ritorno.

    RispondiElimina
  12. Beh solo paesi poco alfabetizzati possono infilare Craxi Berlusconi e Grillo uno via l'altro e lo dico da elettore deluso di destra

    RispondiElimina

Sarà pubblicato tutto ciò che non contiene parolacce, insulti e affermazioni discriminatore nei confronti di persone