12 aprile 2013

Un anno di Bicarbonati


Esattamente un anno fa ho pubblicato il primo post dei Bicarbonati. Oggi sono 352, quasi uno al giorno, accompagnati da circa 6.000 commenti e più di 155.000 visualizzazioni di pagine, di cui 100.000 negli ultimi sei mesi. Ho scritto di tutto e di più: di cose frivole e di faccende drammatiche, di cene segrete e di magheggi alla luce del sole, di povertà, tumori, suicidi, rotatorie e centro storico. Con la politica al centro della scena: irritante nella sua incapacità di fomentare passioni e immobile nella sua vocazione sediziosamente marchettara. E intorno una comunità smarrita, cadente e decadente, consumata da una forza di gravità che la costringe con la pancia a terra e col cervello in tasca. Ho scritto scrutando, rivendicando sulle cose lo sguardo distante del fotografo che ritrae senza avere colpa del ritratto. Ho provato a dipingere questa città con le parole, a farne l’ekphrasis, a descriverla con eleganza ma sempre col sospetto del gatto e con affetto a volte ruvido e sferzante. Voglio essere sincero fino in fondo: ho scritto non solo per raccontare Fabriano ai fabrianesi ma anche per dare la biada ai miei cavalli: perché mi piace scrivere, lo considero la mia cura omeopatica, l’occhio di bue in cui curo e vezzeggio il mio naturale egocentrismo. Anche per questo retrogusto personale ho ricevuto molte critiche di cittadini poco avvezzi al pensiero scorretto e cazzuto, ho accettato il sospetto che questo blog fosse la ricostruzione di un profilo pubblico lesionato dagli insuccessi politici quando invece era il più selvaggio dei riflussi, ho fatto delle cattiverie anonime una tempra aggiuntiva per l’anima e dei complimenti un piacere discreto su cui sorvolare compiaciuto. Ma la cosa più bella sono state le tante conversazioni furenti, i commenti accesi e squinternati, le saggezze montanare velate di postmoderno, il motteggio cinico di chi ne ha viste troppe e la voglia di smadonnare di chi non ne ha viste abbastanza. Anche senza metterci la faccia, il nome e il cognome, perché tra "bicarbonati, citrati e insorgenti acidità" viene bene pure sputacchiare, ruttare e prendersi la libertà, balorda e irrazionale, dell’invettiva e del giudizio che trancia invece di distinguere e ponderare. Per queste ragioni Bicarbonati non lascia ma raddoppia. Dalla prossima settimana buttiamo ancora più benzina sul fuoco: il sabato con lo Sciocchezzaio della Settimana, post dedicato al consuntivo delle notizie più insulse, agli spunti eroici di chi si dedica al colore delle mattonelle del bagno mentre c'è il tetto che crolla; la domenica con Chi sale e chi scende, post in forma di scala mobile in cui inchioderemo e glorificheremo persone e personaggi della nostra città che continuano a recitare, mentre il pubblico ha già lasciato da un pezzo platea e palchi. Politici e non. Perché alla fine “la gente è il più grande spettacolo del mondo. E non si paga nemmeno il biglietto” (C.Bukowski).
    

41 commenti:

  1. Buon compleanno ed un milione di questi post !!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!!! Ci provo di sicuro!!

      Elimina
  2. Ruggero Gatti12 aprile, 2013

    e vaiiii....mi piace, ma attenzione con lo Sciocchezzaio, ti si può spezzare il braccio a forza di scrivere!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!!! Faremo mente locale!

      Elimina
  3. Oltre che seguirti alla radio, leggo molto volentieri tutti i tuoi post.
    SEI VERAMENTE FORTE, BUON COMPLEANNO !
    Pino Pariano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un po' che non scrivo di te...mi toccherà recuperare!!Grazie!!

      Elimina
    2. basta che non scrivi di lui di sabato... :-D
      ______________
      G.R.

      Elimina
  4. l'unico spazio di informazione/dibattito liberi nella terra del monopensiero.
    fino a un anno fa non avrei mai pensato di scriverlo, e invece...grazie gps!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so chi tu sia ma è davvero un bel complimento! Grazie di cuore

      Elimina
  5. GianPi, buon compleanno e complimenti, sei grande!!!!
    TVB
    Ho gettato

    RispondiElimina
  6. Avanti popolo.......sempre

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vedi un popolo da qualche parte?!

      Elimina
  7. Un Blog come un'altro diceva qualcuno a pochi giorni dalla sua nascita, passate le elezioni svaporerà! E invece eccoci quì a festeggiare 365 giorni di attività, 365 giorni di pensieri e provocazioni, 365 giorni di commenti volgari e signorili, 365 giorni di vita. Un augurio sincero che tu possa continuare ad informare,scaldare,criticare,e far pensare questa città ed i suoi figli. Buon Compleanno!
    Fabio Bernacconi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Fabio questo non è un augurio!!! Sono pillole di Ercole!!

      Elimina
  8. Buon compleanno!!!! Gian Pietro, in questo primo anno, con uno stile originale e da bravo e vero giornalista, tu ci hai offerto un'analisi seria, cruda e coraggiosa della nostra realtà che penso abbia rimesso in discussione non solo i politici, ma anche noi cittadini.
    L'augurio è che tu, nel secondo anno, possa raccontare la bella storia, anche se difficile e complessa, di una popolazone operosa e creativa che, in un momento molto particolare, si è rimboccata le maniche e, facendo squadra, ha iniziato con entusiasmo e determinazione il cammino di una sana riconversione di un territorio ricco di preziosi tesori e grandi e originali talenti.
    Auguri Gian Pietro!!!!
    Sonia Ruggeri

    RispondiElimina
  9. Cara Sonia spero davvero che il secondo anno corrisponda ai suoi auspici e che si possa fare un passo in avanti corale e non di parte che coinvolga tutti. Grazie di questo bellissimo messaggio che mi incoraggia a proseguire!

    RispondiElimina
  10. Mi dispiace interrompere la serie positiva...

    Ti apprezzo molto, seguo...scrivo ogni tanto...mi chiedo è servito a qualcosa o solo a sollecitare quella sottile vena di narcisismo presente in tutti noi?!

    Il risultato finale è importante, ed il saldo attuale molto negativo, ha bisogno anche che tutti noi ci sporchiamo le mani, e al contrario di quello che dicono alcuni, innondiamo di partecipazione i partiti politici (ed altri centri di potere) e facciamo sentire la nostra voce.

    La non partecipazione attiva è quello che uccide la democrazia...

    Cmq...grazie di tutto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi spiace deluderti ma ti considero parte della serie positiva. Perché quelli che poni sono problemi reali. Grazie al cubo!

      Elimina
    2. Preciso, non mi hai deluso più di quanto sono deluso di me stesso o della mia generazione.


      Elimina
  11. Un anno e' più della durata di un periodo di prova di un contratto di lavoro o di un periodo capace di vedere realizzato un sogno....un anno e' un tempo lungo abbastanza per imparare ad essere umili o sufficiente per cambiare profondamente .
    Un anno che tu hai trascorso anche tra questi post e li hai scritti , ne sono testimone, tutti con la stessa intatta passione del primo...arrabbiandoti, divertendoti, sorridendo e imparando.
    Ai tuoi lettori hai dato sempre un punto di vista intelligente, sei riuscito a strappare a tutti una riflessione o un sorriso...ma credo soprattutto che tu li abbia resi consapevoli che quando si entra in un cul de sac, per uscirne ci vuole un sac de cul! Buon compleanno Miura....auguri amore mio!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo è l'augurio che salta la mente e arriva dritto al cuore....grazie amore!

      Elimina
  12. Mah già un anno! Complimenti e auguri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Toni!!Fra qualche giorno ti faccio rrabbiare di nuovo con qualche post sull'agricoltura!! ;)

      Elimina
  13. G.P.S: tanti auguri !
    La prima cosa che si fa la mattina é: accendere il pc mentre si fa colazione e leggere quel che scrive oggi il buon Simonetti.....un appuntamento quotidiano irrinunciabile!
    I tuoi post: un mix di ironia graffiante e sano, lucido, crudele realismo. Almeno qualcuno ha l'onestà intellettuale di dire le cose come stanno. x me semplicemente un esempio.

    RispondiElimina
  14. Grazie per le belle parole! Spero di meritarle tutte

    RispondiElimina
  15. ho imparato a conoscerti e "capirti" dalle righe di questo blog; ogni post mi ha portato una riflessione...ogni riflessione, è stata una crescita.
    ormai, non posso stare più di 48 ore senza leggere un nuovo pezzo...ci hai abituati bene!
    mi piace la passione che metti in ogni post, anche in quelli dove non uno non se l'aspetterebbe, si vede che decidi di pubblicare solo quello che in qualche modo, ti suscita un sentimento, una riflessione.
    buon compleanno!!!...100 di questi giorni!
    _________________
    G.R.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giancarlo ti ringrazio di cuore. Tu sei stato uno di quelli che mi ha seguito sin dall'inizio. Uno dei primi a farmi l'apertura di credito e sono contento di essere riuscito a darti qualcosa che tu hai dato anche a me con decine e decine di commenti e riflessioni. ;)

      Elimina
    2. in effetti, a pensarci bene, devi essere stato bravo un bel po'...!
      ____________________
      G.R.

      Elimina
  16. Il coraggio di parlare e di combattere contro il "silenzio degli innocenti"!!!!!
    Continua cosi'....buon compleanno Gian!!!!!!
    Gigliola Marinelli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho iniziato e mi pare che ci sia sempre meno silenzio e sempre meno innocenti. Buon segno. Di certo si va avanti. Grazie Gigliola!

      Elimina
  17. "The pen is mightier than the sword." (E.B. Lytton - Richelieu, Or the Conspiracy.)

    "Infilerò la penna
    fin dentro al vostro orgoglio,
    perché con questa spada
    vi uccido quando voglio..." (F. Guccini - Cyrano)

    Non so a quale modello ti ispiri, di certo ti va dato atto che "non le mandi a dire".
    E qui ognuno, anonimo o palese, può esprimere il suo pensiero. Poi magari si può essere d'accordo: spesso, sempre o mai. Ma anche questo e vita.
    E allora, in alto i calici per un brindisi: a Simonetti che ci mette penna e faccia per sparare a raffica confetti (Falqui...)


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Stefano il Cyrano gucciniano mi piace! Grazie per le belle parole e per i colti rimandi

      Elimina
  18. Che questo blog sia sempre più incisivo si misura, anche, osservando che tra Sindaco, Assessori, consiglieri etc. etc. sia rimasto solo Pariano, ogni tanto, a farsi vivo ... gli altri, che prima rispondevano baldanzosi ai post, ora sono eclissati ... avete notato questo dettaglio?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lasciamo a tutti, politici compresi, la libertà di andare e venire a piacere. L'incisività è una conquista continua che dipende tantissimo da quanto i lettori partecipano alla discussione coi loro commenti. Grazie per l'apprezzamento!

      Elimina
  19. Gian Paolo ti ho conosciuto attraverso questo blog e, pur non condividendo alcuni tuoi interventi ed alcuni punti di vista con cui analizzi la nostra realtà, mi sono convinto che tu sia una persona leale e sincera. Per questo ti stimo e ti incoraggio a continuare, sperando che non ti stanchi, prima o poi ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Permettimi di correggerti un refuso nominale (mi chiamo Gian Pietro ;)....farò il possibile per non stancarvi.....e non stancarmi ovviamente G.Simonetti

      Elimina
  20. bene, dopo un anno ci si può permettere anche un pò di autocelebrazione... casareccia e sincera, ma sempre rivolta a santificare una cosa semplice (un blog) nel mare del nulla (fabriano e dintorni).
    questo blog ha il merito di aver smosso lo stagno e mi sembra di vedere che questa iniziativa ne sta incoraggiando altre; soprattutto il blog sta dando voce a tanta gente (almeno me lo auguro, anche se a parte qualcuno che conosco per il resto scrive sempre il sig. anonimo). quindo complimenti a simonetti, alle sue idee e alla sua penna (pardon tastiera) e ben vengano le nuove rubriche.
    da sempre sono un ammiratore di michele serra e dei suoi editoriali, oggi superati forse dal solo gramellini. ti auguro caro simonetti di raggiungere quei livelli, ovvero di centrare con poche righe, con intelligenza e sagacia l'argomento del giorno. di saper dire, con le parole giuste, quelle cose che ognuno di noi ha nella mente ma non riesce ad articolare.
    sperando che la tua arte aiuti questa povera città e noi poveri fabrianesi.
    continua così, grazie.

    un anonimo (omonimo di altri) che qualche volta scrive.

    RispondiElimina
  21. Grazie a te per le belle parole. Continuiamo tra il serio e il faceto a raccontare e a raccontarci

    RispondiElimina

Sarà pubblicato tutto ciò che non contiene parolacce, insulti e affermazioni discriminatore nei confronti di persone