15 gennaio 2013

La storia della Best in una sola storia

Enrico Morettini, operaio Best e
sindacalista della  Fiom
Per qualche giorno abbiamo tenuto il riflettore accesso su spezzoni ed esponenti della borghesia locale, affascinato dal moto politico e dalle traiettorie del potere. Una borghesia serena e appagata, ignara di crisi e disagi, che ha in mente di dare ordine sociale al caos, convinta che una giusta lontananza dai problemi prosciughi l'animo e dia l'oggettività con cui il chirurgo lavora di bisturi. L'interrogativo amletico è solo se candidarsi e con chi e quale posizione occupare in lista perché pure da lì si deduce il rango politico acquisito. Ma questo è il lato oscuro, the dark side of the moon. Poi c'è la politica che sconfina fin dentro la vita, quella che comporta un investimento psicologico dal quale ci siamo faticosamente emendati ma di cui sappiamo subito riconoscere l'impronta e il lessico familiare. L'ho ritrovata stamattina sulle pagine locali dei quotidiani, nella foto che ritrae uno degli operai della Best costretti ad azioni estreme ed eclatanti per salvare il posto di lavoro, lo stipendio e la dignità che serve per andare avanti. Quell'operaio si chiama Enrico Morettini. L'ho conosciuto a metà degli anni ottanta quando, da studenti delle superiori, ci affacciavamo alla militanza politica tra coloro che furono ribattezzati i "ragazzi dell'85". Io simpatizzavo per il Pci e lui per Democrazia Proletaria. Lui un ragazzaccio rumoroso e fragoroso, con dentro l'anima la quantità di follia erasmiana necessaria a creare il clima propizio; io più introverso, silenzioso, individualista di pancia seppur cartesiano di cervello. Ed era questa diversità radicale di carattere a concederci quel sapore fraterno che alimenta l'empatia tra gli inconciliabili. Poi, come è naturale, ognuno ha preso la sua strada. A lui è toccata la fabbrica e il volerci stare da protagonista attraverso la Fiom, un sindacalismo su misura per uno come lui. Un destino che non credo abbia subito come una diminuzione di sè ma scelto come la modalità più fervida per essere coerente con i propri ideali di gioventù e la sorridente passione per un comunismo libertario che esisteva solo nei suoi sogni. Ieri era ad Ancona, costretto dalla circostanze e dalle scelte di una multinazionale a trasformare i vecchi giochi e le antiche scelte di adolescente in un Armageddon personale ed esistenziale. E nel guardare la foto me lo sono figurato almeno mezzo metro avanti agli altri colleghi: un po' per gioco - perchè, come cantava Bennato, ogni favola è  un gioco - e un po' per sopravvivenza; un po' per la vita e un po' per il gesto; un po' per il futuro e un po' per ciò che eravamo. Ti auguro di farcela compagno Morettini. The Best.
    

41 commenti:

  1. Caro Simonetti almeno abbiamo capito che tifi per gli operai e non per i borghesi

    RispondiElimina
  2. Tifo per i buoni e per chi non è stronzo..qualità trasversali e non classiste

    RispondiElimina
  3. bel post e bella storia dopo l'orgia centrista

    RispondiElimina
  4. fabriano ha avuto solo operai lecchini. Storie come queste sono l'eccezione. Era tutta una corsa a fare i capireparto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. se fosse come dici, ci sarebbero stati spargimenti di sangue...ci sono anche quelli che non si sono preoccupati della "carriera"...ma quelli, non fanno rumore.
      in realtà, è come la storia dei buoni e degli stronzi di cui sopra ;-)
      __________________________
      G.R.

      Elimina
  5. Cazzo nessuno reagisce...pare non ci fosse nessuno dei raprpesentanti delle istituzioni e dei candidati ieri a manifestare a Cerreto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e direi, se è vero come ci dicono che la corsa è al centro, non va bene farsi vedere con la gente incazzata che disturba l'ordine ed è amica di Camusso e Fassina

      Elimina
  6. Ci meritiamo questo e altro....

    RispondiElimina
  7. da dieci anni si delocalizza (anche con finanziamenti della regione) e nessuno ha mai detto nulla, CGIL serva dei padroni in testa e operai al seguito. i buoi sono scappati da anni....

    RispondiElimina
  8. Conoscendo un po' Morettini immagino che il viaggio per Ancona sarà stato abbastanza movimentato :)

    RispondiElimina
  9. Io mi ricordo tanti anni fa l'irruzione a una processione religiosa con Morettini che ad alta voce diceva "io questi non li posso vedè so filosovietico".... :)))))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Memoria di ferro vecchia roccia!

      Elimina
  10. Dimenticate che la Best è di una multinazionale..? Pensate che gliene freghi qualcosa che la nostra zona è in crisi? loro devono fa solo profitto e qua in italia di profitto se ne fa poco.. L'indesit guadagna ovunque è solo l'italia che gli tira giù il bilancio, stanno quà perchè ci devono stare non perchè gli conviene starci grossa differenza

    RispondiElimina
  11. beh certo il diritto insindacabile del capitale di andare e venire col cinico applauso degli affamati...

    RispondiElimina
  12. Caro Giampietro ho le lacrime agli occhi e faccio fatica a scrivere queste poche parole, non riesco nemmeno ad esprimerti quello che sto provando ora, grazie compagno, grazie davvero!!!
    Enrico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nessuna lacrima vecchio ronzino! A chi mi ha fatto apprezzare Edgar Allan Poe non sono consentite emozioni ma solo lunghe cavalcate. Sempre avanti Enrì!

      Elimina
    2. speriamo che anche questo intervento sensibilizzi e faccia smuovere chi può far desistere la best...

      Elimina
    3. Sempre avanti senza timore Gianp!

      Elimina
  13. Enriiiiii.....RESISTERE RESISTERE RESISTERE
    Fabrizio castropretorio.....;)

    RispondiElimina
  14. bella testimonianza.... conoscendo le persone ed il contesto la si apprezza ancora di più.
    vorrei solo far notare il tempismo con cui la best ha annunciato le sue scelte: proprio in campagna elettorale.
    credo sia un piccolo assist per i lavoratori coinvolti, per far sentire meglio la propria voce barattandola con un pò di consenso elettorale.

    RispondiElimina
  15. Questo e' solo l' inizio.......il peggio arriverà prima del previsto

    RispondiElimina
  16. Gente di un altro mondo
    Con stima M.llo Badoglio

    RispondiElimina
  17. Post bellissimo.

    RispondiElimina
  18. Enrico Moretini un uomo che non ha abbassato mai la testa e leccato cul, uno che può andare in giro a testa alta.
    Adelante Enrico...hasta la victoria!

    RispondiElimina
  19. Grazie di cuore anonimo, la dignità non potranno mai rubarmela

    RispondiElimina
  20. Ti ho visto anche al telegiornale regionale in prima fila...quanto ti conosco!!!!!

    RispondiElimina
  21. Queste cose mi ricordano una grande persona che purtroppo non c'è più

    RispondiElimina
  22. Andrea Giacobelli, anche lui sindacalista FIOM, morto in un incidente pochi mesi fa. Anche lui era Umberto uomo che credeva nei suoi ideali con lo spirito di un 20enne. Gente di un altro mondo, come ha detto qualcuno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uomini d'altri tempi!

      Elimina
    2. Mancherà molto a tutti noi Andrea

      Elimina
  23. Umberto mi è uscito per colpa del t9.." volevo scrivere un uomo

    RispondiElimina
  24. Signor Morettini qualche personaggio politico s'è fatto vedere in carne ed ossa al presidio o si sono limitati tutti a scrivere quattro cavolate da casa?

    RispondiElimina
  25. Emanuele Rossi e i compagni di SEL che ringrazio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Piaccia o no è uno dei pochi che ci mette sempre la faccia

      Elimina
  26. Posso solo testimoniare cio' che hai scritto su Enrico perche' sono un collega di lavoro ed e' cosi come l' avete descritto..solo..ma mai domo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giovanni lavorazioni meccaniche Best cerreto

      Elimina

Sarà pubblicato tutto ciò che non contiene parolacce, insulti e affermazioni discriminatore nei confronti di persone